Neurochirurgo

Gamma Knife:
come funziona

Come funziona, Le fasi del Trattamento e L'innovazione del Modello Icon

Chirurgia Stereotassica e Terapia Gamma Knife

Cos'è, quali patologie cura, i vantaggi di un intervento di Chirurgia Stereotassica e una Terapia Gamma Knife

La Gamma Knife è una forma di una chirurgia stereotassica, cioè un metodo innovativo e mini-invasivo per la cura di molti tumori e altre patologie a livello cerebrale, che permette attraverso l'emissione precisa di raggi gamma (fonte del fascio è il Cobalto60) di trattare le malattie senza eseguire un'operazione chirurgica e senza danneggiare le strutture cerebrali. Il trattamento può essere eseguito in un’unica seduta o, se necessario, in pochi giorni.
 


QUALI PATOLOGIE POSSONO ESSERE CURATE CON LA TERAPIA GAMMA KNIFE?
•    metastasi cerebrali 
•    neuromi dell'acustico e altri neurinomi intracranici
•    meningiomi
•    adenomi ipofisari
•    gliomi (in casi selezionati e in particolare se a basso grado di malignità)
•    melanomi uveali
•    malformazioni artero-venosa
•    angiomi cavernosi
•    fistole artero-venose
•    nevralgia del trigemino
Inoltre, questa forma di chirurgia stereotassica (o meglio di radiochirurgia stereotassica) può essere utilizzata in alcune forme di epilessia non responsive ai farmaci e in alcune forme di disturbi del movimento.

 

L'OBIETTIVO dalla terapia Gamma Knife è quello di ridurre o eliminare la massa tumorale o le malformazioni vascolari, impedendo quindi che possano svilupparsi e aumentare di dimensione o dare emorragia (come nel caso delle malformazioni vascolari). Nel caso, invece, di patologie funzionali (nevralgia trigeminale, tremore, epilessia,..) lo scopo del trattamento è la risoluzione dei sintomi o almeno una netta riduzione.
 
I VANTAGGI della radiochirurgia stereotassica con Gamma Knife rispetto all’intervento chirurgico tradizionale sono:
-    ridotta ospedalizzazione con rapida ripresa delle normali attività quotidiane
-    assenza di riabilitazione post-operatoria
-    possibilità di trattare anche lesioni posizionate profondamente nel cervello e di difficile accesso chirurgico


 
IN COSA CONSISTE UN TRATTAMENTO DI RADIOCHIRURGIA STEREOTASSICA CON GAMMA KNIFE?

Presso l’Istituto Ospedaliero Poliambulanza è disponibile il modello Gamma Knife Icon, primo in Italia, che consente di eseguire i trattamenti con il tradizionale casco stereotassico di Leksell o con la nuova maschera termoplastica (la scelta spetta al medico in funzione dei differenti casi). La preparazione, quindi, è lievemente diversa nei due casi.
Nel primo caso, viene fissato un casco stereotassico (una sorta di anello metallico) sulla testa del paziente, dopo la somministrazione di un anestetico locale e di un blando sedativo. Il casco ha lo scopo di fornire le coordinate per indirizzare in modo preciso, sulla zona lesionata, i raggi gamma e di immobilizzare la testa del paziente durante il trattamento. Dopo aver saldato il casco sulla testa del paziente si effettuano la RM o la TC per visualizzare la massa tumorale o l’area cerebrale da trattare. Una volta che le immagini sono state eseguite, il neurochirurgo, insieme al radioterapista e al fisico sanitario, stabiliranno esattamente l’area cerebrale da irradiare e la quantità di radiazioni da somministrare. Il paziente viene quindi fatto sdraiare sul lettino della Gamma Knife e il casco viene agganciato alla macchina. Generalmente il trattamento dura poche decine di minuti, ma in alcuni casi può protrarsi anche per ore. Durante il trattamento il paziente è sveglio, può ascoltare musica e dialogare costantemente con il personale sanitario.  
Il paziente potrebbe provare una leggera pressione nel momento in cui le quattro piccole viti vengono saldate al casco, durante il trattamento invece la radiochirurgia non comporta alcun dolore e non viene percepito alcun rumore. 
Nel caso in cui si utilizzi, invece, la maschera termoplastica il paziente eseguirà direttamente gli esami neuroradiologici necessari (RM, TC, angiografia cerebrale) su cui il team multispecialistico preparerà il piano di trattamento. L’immobilizzazione della testa durante in trattamento avverrà poi con una maschera che aderirà delicatamente al viso del paziente e che ne impedirà i movimenti.
Gamma Knife Icon consente in modo specifico di effettuare anche trattamenti frazionati (la dose di raggi viene somministrata in alcuni giorni consecutivi); il trattamento quindi in questi casi può ripetersi per 3-5 giorni, senza alcun disagio comunque per il paziente.
Al termine del trattamento di chirurgia stereotassica il paziente viene ricoverato in osservazione e quindi dimesso con le indicazioni per i controlli successivi. Il risultato della radiochirurgia si apprezza, infatti, nel tempo, e sono necessari sempre alcuni mesi per ottenere i risultati desiderati. Coloro che si sottopongono a questo trattamento dovranno effettuare esami di controllo alcuni mesi dopo il trattamento, che andranno poi ripetuti periodicamente negli anni. 


 
COME SI VALUTA LA POSSIBILITÀ DI EFFETTUARE UNA TERAPIA GAMMA KNIFE?

Per poter eseguire un trattamento di chirurgia stereotassica con Gamma Knife il paziente dovrà sempre effettuare una visita ambulatoriale in cui il medico, dopo aver preso visione di tutta la documentazione confermerà l’utilità di questa cura. Il paziente, in particolare, dovrà aver eseguito gli esami neuroradiologici (TC, RM, angiografia cerebrale) che consentano di studiare in modo approfondito la patologia. In casi specifici potranno essere necessari ulteriori accertamenti quali TC total-body (per un inquadramento generale nei pazienti con metastasi cerebrali), visita oculistica con campo visivo (nel caso di tumori vicini ai nervi ottici), visita ORL ed esame audiometrico (per i pazienti con neurinoma dell’acustico). 
Il medico illustrerà al paziente la procedura e risponderà a tutte le domande o richieste di informazione.